.

L'utility del domani sarà "ibrida"

e7 - Il settimanale di quotidiano energia

La sola commodity non basta più alle energy company, il business del futuro è nei servizi aggiuntivi e nell’incrocio con altri settori. Il punto di vista di Fincons

Se il business delle energy e utility company è in crisi occorre cambiarne il modello. È da non poco tempo ormai che la vendita di energia e gas porta una marginalità in decrescita agli operatori, costretti a cercare strategie di maggior successo. In loro aiuto, però, arriva l’innovazione tecnologica e il processo che sta trasformando i contesti urbani verso il modello della smart city.

Ne è convinto Simone Villa, Utilities Business Unit Manager di FINCONS GROUP (società di IT consulting e system integration con sedi in Italia e Svizzera); realtà che basa molto del suo fatturato proprio nei settori energy e utility: “Siamo organizzati in Business Unit e Practice. Le prime rappresentano le nostre competenze verticali: energy, utility, transportation, media, financial service, manufacturing. Trasversalmente queste unità sono servite dalle practice, con expertise tecnologiche e di prodotto: ERP, business intelligence, web, legacy”.



L'utility del domani sarà "ibrida"