.

Fincons Group sostiene l’innovazione e i giovani talenti sponsorizzando l’iDB Tech-No-Logic Team

Continua l’investimento sui giovani da parte di Fincons con la sponsorizzazione dell’iDB Tech-No-Logic Team del Liceo Salesiano Don Bosco di Verona, di cui fanno parte 8 ragazzi del quarto anno del Liceo Scientifico Tradizionale e Liceo Scientifico opzione Scienze Applicate.

La squadra si è aggiudicata il primo premio nella FIRST LEGO League World Championship di Houston di quest’anno, fronteggiandosi con 108 team da tutto il mondo.

La FIRST LEGO League è la sfida internazionale in ambito scientifico e robotica rivolta ai giovani innovatori che competono con robot da loro stessi progettati e costruiti con l’uso esclusivo dei materiali LEGO Mindstorms. Obiettivo della competizione è quello di fare leva sulla passione per la scienza per risolvere problemi reali di natura ecologica, economica e sociale.

La FIRST LEGO League prevede diversi step successivi di qualificazione a livello regionale, nazionale, continentale e mondiale. Attualmente sono coinvolte 88 nazioni distribuite sui 5 continenti.

Il progetto di robotica presentato dalla squadra veronese si chiama WEMIT, un innovativo sistema per il lavaggio dei vestiti degli astronauti in assenza di gravità e senza acqua. Questo sistema potrebbe trovare applicazione anche in molti ambiti della vita quotidiana al fine di ridurre la produzione di rifiuti, ragion per cui l’Istituto Don Bosco ha già provveduto a brevettarlo.

Il progetto si è qualificato inoltre tra i migliori tre della FIRST LEGO League Italia 2019, la cui premiazione si terrà a Roma il 21 maggio presso l'Auditorium dell'Associazione Spaziale Italiana.

La squadra veronese è vincitrice anche del premio Pantheon, consegnato dalla Camera del Commercio di Verona, ed è candidata tra i 20 migliori progetti al mondo che concorreranno a fine giugno per il Global Innovation Award in California.

Per maggiori informazioni clicca qui!
 


Fincons Group sostiene l’innovazione e i giovani talenti sponsorizzando l’iDB Tech-No-Logic Team