Premio Pugliesi nel Mondo

Premio Pugliesi nel Mondo

Taranto, 30 Novembre 2019

Michele Moretti, CEO di Fincons Group, ha ricevuto il prestigioso Premio Internazionale "Pugliesi nel Mondo", consegnatogli lo scorso 30 novembre dall’Assessore allo Sviluppo Economico della Regione Puglia Cosimo Borraccino presso il Teatro Comunale Fusco di Taranto.

Michele Moretti, CEO di Fincons Group, ha ricevuto il prestigioso Premio Internazionale "Pugliesi nel Mondo", consegnatogli lo scorso 30 novembre dall’Assessore allo Sviluppo Economico della Regione Puglia Cosimo Borraccino presso il Teatro Comunale Fusco di Taranto.

La X edizione dell’evento itinerante è stata patrocinata quest’anno dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, dalla Regione Puglia e dall’Amministrazione Comune di Città di Taranto.

Al Teatro Fusco sono state premiate diverse grandi professionalità pugliesi che, con il loro impegno, le loro capacità e abilità hanno superato i confini territoriali e si sono affermate nel mondo. Non solo imprenditori, ma anche rappresentanti del mondo dell’arte, delle università, della ricerca, delle istituzioni e delle forze dell’ordine.

"I premiati appartengono ad ambiti tra loro molto diversi – ha spiegato in conferenza stampa l’organizzatore Giuseppe Cuscito, Presidente dell’Associazione Internazionale Pugliesi nel Mondo – e tutti spiccano per la capacità di dare lustro alla nostra Regione".

"Crediamo che questa manifestazione – ha sottolineato l’assessore alla cultura Fabiano Marti – possa essere da stimolo anche per riflettere sulle potenzialità di questo territorio, attraverso il percorso di pugliesi che ce l’hanno fatta".

Sono orgoglioso di aver ricevuto questo premio – ha dichiarato Michele Moretti – e di aver contribuito a portare il “Made in Puglia” nel mondo. Le personalità presenti in questa manifestazione dimostrano che ci sono grandi potenzialità di crescita per questo territorio e che dobbiamo lavorare tutti insieme per rendere la Puglia ancora più attrattiva non solo per gli imprenditori italiani ma anche per quelli stranieri.

Condividi

Stampa